Un concerto per la Croce Rossa

Stampa articolo Stampa articolo

Sabato 22 novembre alle ore 21.00 al Cavolaforum a Cavola di Toano (Reggio Emilia), si tiene un concerto con lo scopo di iniziare una raccolta fondi che sarà totalmente destinato all’acquisto della sede, che rimarrà di proprietà del comitato della Croce Rossa Italiana Toano. Musicisti, solisti, banda, cantautori, attori, cori, corali, gospel e poesia, ogni forma di arte ha voluto essere presente per supportare questa iniziativa. sarà allestito anche uno spazio d’intrattenimento per i bambini con sculture di palloncini e sorprese, attrezzato solo per loro e con i Giovani Volontari della Croce Rossa Toano che li faranno divertire.
Alla serata parteciperanno: Rino Giorgini e Mario Saielli de “Il Buffone di Corte” con le loro scenette, il coro gospel di Cerredolo Simple Voice; la corale “Madonna della Neve” di Cavola diretta dal maestro Gaetano Borgonovi; il coro Voci Lassù diretto dal maestro Armando Saielli, gli sBANDAti, speciale formazione nata della Banda di Cavola; la giovanissima cantante Giada Sarzola, Elena Paola Gazzotti, in collaborazione con il fotografo Stefano Muzzarelli, presenta un momento di poesia; il cantautore Tiziano Castagni. Il tutto magistralmente presentato dal regista della compagnia teatrale “Il Buffone di Corte” Fausto Iaccheri.

La-locandina

 

Mario Ferrari è presidente della Croce Rossa di Toano dal 2000, cioè da quando è diventato comitato locale.
Presidente, quali siano le sue aspettative per questa iniziativa?
Innanzitutto vorrei dire un grazie sincero a quanti si sono impegnati nell’organizzare questa serata, a tutti coloro che hanno dato la loro disponibilità per esibirsi nello spettacolo. Grazie anche a quelli che, pur disponibili, sono stati esclusi per mancanza di spazio.
Quando mi è stata proposta questa iniziativa, ne sono stato subito favorevole per diversi motivi.
Il fine principale – certamente – è quello della raccolta di fondi, dei quali siamo da tempo cronicamente in sofferenza. Soprattutto ora che stiamo acquistando l’attuale nostra sede, anche se soldi non ne abbiamo! Ma siamo certi che i nostri concittadini non ci faranno mancare il loro sostegno.
Da poco avete indetto delle riunioni informative nelle varie frazioni, come sono andate?
È stata un’enorme delusione. Partecipazione dei cittadini nulla: tre o quattro a Quara, uno a Cavola, zero a Cerredolo, uno a Toano.
Non è stato, fuor di dubbio, un incoraggiamento per i nostri Volontari! Avremmo voluto far conoscere la Croce Rossa, che non è solo servizio ambulanze, ma un’Associazione a livello mondiale che, tra le tante attività, ha sì anche quella del Primo Soccorso.
Mi preme però utilizzare questa occasione per far conoscere alcuni aspetti del Comitato C.R.I. di Toano, cosa che nelle intenzioni nostre volevamo fare nelle quattro assemblee, indette per la popolazione nella seconda metà di ottobre.
Si voleva illustrare la grande trasformazione in atto, che dal gennaio del corrente anno ha visto la privatizzazione dei Comitati Locali, per cui anche a Toano ora la Croce Rossa è un’Associazione di diritto privato, un’Associazione di Promozione Sociale. Il che ci consentirà di iscriverci alle Onlus, accedendo finalmente anche noi – come le Croci ANPAS – ai benefici di cui mai abbiamo goduto: agevolazioni sull’IVA, accesso al 5 per mille, ecc.
Cosa comporta questo cambiamento a livello locale?
È cosa non da poco, questa privazione ci ha costretto a vivere esclusivamente dei servizi che facciamo, con tariffe ferme da più di un decennio, aggiornate solo con l’indice ISTAT che, sappiamo benissimo, aggiorna i fichi secchi. Così: salti mortali per pagare l’affitto, l’assicurazione, la manutenzione del parco macchine (sempre più obsoleto), l’impossibilità di acquistare nuove ambulanze, ecc. E, per il presidente, l’avvilimento e il dispiacere di non riuscire a ripagare l’impegno dei suoi Volontari, almeno comprando le nuove divise od offrendo loro una gita come segno di riconoscenza…
Cosa dovrebbero sapere i cittadini sulla Croce Rossa?
Volevamo far sapere ai nostri concittadini che, se hanno ancora un servizio di Primo Soccorso e di buon livello, lo devono solo ai sacrifici continui e sempre crescenti dei Volontari che, senza percepire rimborsi, ma spendendo tempo libero e anche soldi, con costanza e impegno mantengono questo servizio indispensabile, dedicando – oltre ai turni di servizio – serate per corsi di qualificazione, per esercitarsi sui protocolli del primo soccorso, pomeriggi e mattinate per ottenere le qualificazioni dal 118. Impegno che, tradotto in numeri, solo quest’anno – ad oggi – equivale a quasi 40.000 ore. Ma la popolazione, avendolo da anni, lo da per scontato.
Doveva essere anche l’occasione per far conoscere le attività che si fanno con le nostre scuole: la Giornate in Croce Rossa, il campo di Protezione Civile che facciamo per i ragazzi della terza media, le visite per quelli di quinta a Solferino, S. Martino e al museo C.R.I. di Castiglione delle Stiviere, dov’è nata la Croce Rossa. Pur essendo sempre scarsi di risorse, in queste iniziative – altamente educative – con convinzione investiamo parte delle offerte, che i cittadini più sensibili ci fanno, o del ricavato dalle assistenze alle feste.
Quindi, oltre alla raccolta di fondi, questa serata ci consentirà di avvicinare tante persone, di far conoscere meglio la Croce Rossa di Toano e infine – non ultimo – anche di trascorrere un paio d’ore di sano divertimento!

Rino-Giorgini-e-Mario-Saielli-del-Buffone-di-Corte-1

Rino-Giorgini e Mario Saielli del Buffone di Corte

il-coro-Vocilassu

Il coro Vocilassu

Pubblicato in Archivio Taggato con: , , , ,