William Tode per beneficenza

Stampa articolo Stampa articolo

L’8 novembre 2014 alle ore 16 viene inaugurata la mostra “WILLIAM TODE E I SUOI AMICI, I GRANDI MAESTRI DEL ‘900” presso le sale della Rocchetta di Castellarano ed il teatro dell’Oratorio S.G.Bosco. La mostra ha  come protagoniste le opere del periodoNeorealista e Cubofuturista, l’arte ceramica e l’arte sacra del Maestro William Tode. Numerose inoltre sono le opere di importanti nomi come: Borgonzoni, Boscaini, Callot, Conti, Dalì, De Chirico,Dova, Fiume, Gentilini, Giorgi, Gordigiani, Greco, Guttuso, Manzù,March, Mastroianni, Monachesi, Murer, Patuzzi, Spazzapan, Treccani, Viani e Zancanaro.

Cartolina-ultima-2La mostra durerà fino al 29 dicembre con apertura nei fine settimana dalle ore 10.00 alle ore 19.00.

La mostra è stata organizzata dall’Oratorio S.G.Bosco e che il ricavato della vendita delle opere in esposizione sarà devoluto ai progetti educativi degli oratori. Quotidianamente l’oratorio è impegnato in numerosi progetti educativi che mirano ad integrare le diverse realtà presenti in un luogo di condivisione come l’oratorio, questi progetti hanno un costo e William Tode con la propria arte e quella della sua collezione
auspica di coprire interamente le spese di ogni progetto educativo mirando anche ad ampliare e raffinare gli stessi.

Per oltre sessant’anni il maestro William Tode è stato uno degli artisti più impegnati e significativi del Neorealismo italiano, soprattutto nel mondo dell’affresco, dove è considerato uno degli ultimi grandi pittori parietali, erede della lezione dei Tiepolo.
William Tode è il fondatore del Movimento del Cubofuturismo, e dopo quasi cinquant’anni di ricerche ha messo a punto i prestigiosi colori ad encausto che portano il suo nome, con cui da oltre venti anni crea
i suoi dipinti anche parietali.
Oltre un centinaio le mostre personali e collettive, insieme ai grandi artisti del Neorealismo; sue opere sono conservate nei musei di tutto il mondo. Per info:  la.andrao@gmail.com 

 

mammasarta-(1)

 

 

Pubblicato in Articoli, Vita diocesana