Il Premio SIE 2014 a Maddalena Cavicchioli

Stampa articolo Stampa articolo

La Società Italiana degli Economisti ha assegnato il Premio SIE 2014 per la migliore tesi di dottorato di ricerca ad una giovane assegnista di ricerca dell’Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia.

Il riconoscimento consegnato alla dott.ssa Maddalena Cavicchioli del Dipartimento di Economia Marco Biagi, all’assemblea dei soci SIE durante la 55ma Riunione Scientifica Annuale, consiste nella pubblicazione di un saggio tratto dalla sua tesi di dottorato dal titolo “Essays on Markov Switching Models with Applications in Economics and Finance” sulla nuova rivista della SIE “Italian Economic Journal”.

Il premio, che riconosce a Maddalena Cavicchioli anche la posizione di socio della SIE per il triennio 2015-2017, è stato istituito dalla Società Italiana degli Economisti per due tesi di dottorato di ricerca in campo economico e ha lo scopo di valorizzare il lavoro di ricerca svolto dai giovani economisti particolarmente meritevoli e di contribuire a diffonderne i risultati.

“Lo studio della mia tesi è rivolto ad alcuni problemi legati a modelli Markov Switching (MS) e alle loro applicazioni in Economia e Finanza. Lo scopo – afferma la dott.ssa Maddalena Cavicchioli di UNIMORE – è quello di proporre soluzioni per la selezione del modello e per la stima di serie storiche multivariate soggette a cambiamenti di regime.”

“Maddalena si è laureata sotto la mia supervisione presso il nostro Ateneo, nel corso di Economia e Politiche Pubbliche. Ha completato – afferma il prof. Mario Forni di UNIMORE – la sua formazione a Venezia e a Madrid. Ha pubblicato diversi articoli su riviste internazionali ed attualmente collabora con me allo studio di un modello econometrico denominato Generalized Dynamic Factor Model – GDFM. Questo modello è stato proposto dal mio gruppo di ricerca ed ha riscosso una crescente attenzione nella letteratura economica e finanziaria. Gli articoli che lo hanno proposto e sviluppato hanno infatti collezionato, secondo il motore di ricerca Google Scholar, circa 2500 citazioni scientifiche. Il GDFM è stato applicato con successo alla previsione economica, alla analisi economica strutturale, alla analisi dei mercati finanziari, alla costruzione di indicatori economici. Per fare un esempio, Eurocoin, l’indice congiunturale per l’area dell’Euro pubblicato dalla Banca d’Italia e dal Center for Economic Policy Research di Londra, è basato sul GDFM. Attualmente, Maddalena ed io stiamo ultimando un paper che propone un nuovo metodo per la stima del numero dei fattori —un passaggio cruciale per la stima del GDFM”.maddalena-cavicchioli

“Sono davvero grata – afferma la dott.ssa Maddalena Cavicchioli dell’Università degli Studi di Modena e Reggio Emilio – al Consiglio di Presidenza della Società Italiana degli Economisti per avermi assegnato questo prestigioso premio. Tale riconoscimento è motivo di soddisfazione per il lavoro svolto e stimolo per la ricerca futura. Inoltre, sono grata al mio supervisore prof.ssa Monica Billio dell’ Università Cà Foscari di Venezia per avermi introdotto nell’affascinante mondo delle dinamiche non lineari e per avermi seguito nel percorso del dottorato di ricerca. Infine, ringrazio di cuore il Dipartimento di Economia “Marco Biagi” ed, in particolare, il prof. Mario Forni per avermi concesso di lavorare insieme in quest’ultimo anno di Post-Doc”.

Curriculum Vitae
Maddalena Cavicchioli è nata a Modena il 15/11/1985. Si è laureata in Economia presso l’Università degli Studi di Modena e Reggio con votazione 110/110Lode presso il Dipartimento di Economia “Marco Biagi” ed ha conseguito il titolo di Dottore di Ricerca in Economia con menzione di “Doctor Europaeus” nel marzo 2014 presso la “Scuola Superiore di Economia” all’ Università Cà Foscari di Venezia. Da Settembre 2013 è titolare di un assegno di ricerca presso il Dipartimento di Economia “Marco Biagi” dell’Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. I suoi interessi di ricerca riguardano argomenti di econometria, analisi delle serie storiche e dinamica dei cambiamenti strutturali.

Pubblicato in Articoli, Associazioni