Ars Lineandi per educare e per curare

Stampa articolo Stampa articolo

Il Castello di Sarzano a Casina, sabato 4 e domenica 5 ottobre ospiterà “Ars Lineandi per educare e per curare”, iniziativa che intende approfondire le proprietà educative e terapeutiche del disegnare forme e dell’Ars Canusina attraverso il confronto interdisciplinare tra pedagogisti, matematici, neuropsichiatri e artigiani.

La giornata di sabato si aprirà alle ore 9 con un convegno a cui parteciperà il professor Ernst Schuberth, uno dei più importanti formatori di insegnanti Waldorf al mondo, autore di numerosi testi di didattica della matematica, geometria ed economia. A seguire la professoressa Mariolina Bartolini Bussi, presidente del Corso di Laurea in Scienze della formazione primaria dell’Università degli studi di Modena e Reggio, interverrà sull’importanze delle forme e delle simmetrie nell’insegnamento della matematica. Chiuderà la mattina Roberto Carriero, responsabile dei Servizi culturali del Comune di Casina, con una relazione sulla dimensione artistica e artigianale dell’Ars Canusina.

Il pomeriggio sarà dedicato alla dimensione terapeutica del disegno di forme e si aprirà con un intervento di Chiara Bombardieri, di Ausl Reggio Emilia, sulla figura storica di Maria Bertolani Del Rio e la sua esperienza al San Lazzaro. I lavori della giornata si concluderanno verso le ore 17 con un intervento a due voci di Laura Maria Tedde, neuropsichiatra infantile, e Silvia Ortelli, arteterapeuta, che illustreranno come il disegno di forme di Rudolf Steiner può concretamente contribuire alla prevenzione e alla cura di specifiche patologie.

mneroni1

Un’immagine di Ars Canusina, arte della zona del Cusna

Il convegno, organizzato dall’Associazione per la Pedagogia Steineriana, dalla Cooperativa “Libera Scuola Steiner-Waldorf” e dal Comune di Casina, ripercorre le orme di Rudolf Steiner e di Maria Bertolani Del Rio: negli stessi anni, infatti, in cui Steiner a Stoccarda fondava la prima scuola Waldorf per i figli degli operai di una fabbrica di sigarette (1919) al San Lazzaro di Reggio Emilia, Maria Bertolani Del Rio assumeva la guida della scuola per bambini e ragazzi “anormali dell’intelligenza e del carattere” (1921). Due esperienze di grande coraggio e innovazione sociale unite dalla consapevolezza pratica e concreta che il lavoro manuale artistico, ispirato da specifiche forme, possa diventare mezzo per la strutturazione del pensiero e la cura dell’anima.

Per tutta la giornata di domenica 5 ottobre si svolgeranno workshop tematici con educatori ed artisti aperti a tutti coloro che desidereranno approfondire e apprendere le tecniche del disegno di forme e dell’Ars Canusina.

Per info: 0522.332140 – www.scuolawaldorf.org

 

Pubblicato in Archivio