Orizzonti Circolari arriva in Appennino reggiano

Stampa articolo Stampa articolo

L’Appennino Reggiano accoglire la nuova edizione del progetto con conferimento di una nuova Cittadinanza Affettiva nell’ambito del Progetto Parco nel Mondo.

Dopo i primi giorni trascorsi in Garfagnana Orizzonti Circolari è passato nella montagna di Reggio Emilia. Ad attendere i giovani escursioni, approfondimenti culturali, visite alle realtà produttive e a tante altre eccellenze del territorio da cui potranno avere spunti per migliorare le proposte di valorizzazione ed attività formulate per partecipare all’iniziativa, promuovere il territorio e sviluppare azioni correlate al progetto Parco nel Mondo. “È una parte del nostro Appennino che viene riportato nel circuito della vita del territorio” – afferma Giovanelli – “È un pezzo di storia che ridiventa presente e sarà futuro. Quindici giorni di full immersion nell’Appennino per conoscere e ricordare per tutta la vita i luoghi delle radici e diffondere la conoscenza del territorio nei suoi vari aspetti, sviluppando sinergie operative con le associazioni/club degli emigrati all’estero, tour operator, agenzie di viaggio ed eventuali altri soggetti potenzialmente interessati a sviluppare attività nel settore socio-economico”.

OC-20140916_123516

Il gruppo, con base a Civago presso l’Albergo Val Dolo ha iniziato una visita a 360° del territorio cogliendo gli aspetti naturalistici, paesaggistici ma anche storico/culturali, sociali e produttivi dei Comuni di Busana, Castelnovo ne’ Monti, Collagna, Ligonchio, Ramiseto e Villa Minozzo. Tra i giovani, Steven George Elliott arrivato da Melbourne, Australia, con origini da Talada di Cervarezza, Busana, e Flora Klingspiegel Gallotto di San Paolo, Brasile, con origini da Ramiseto e Castelnovo ne’ Monti.
Il progetto, giunto alla sua quinta edizione, conta del forte sostegno della Regione Emilia Romagna e della attiva Consulta degli emiliano romagnoli del mondo: “La Regione Emilia-Romagna” – afferma la presidente della Consulta degli emiliano-romagnoli nel mondo, Silvia Bartolini – “crede molto in questo progetto in quanto, insieme alla Regione Toscana, attraverso il percorso formativo che rende i giovani discendenti emiliano-romagnoli e toscani, selezionati a partecipare, veri Ambasciatori delle aree dell’Appennino Tosco-emiliano, si rinnovano legami affettivi e di appartenenza ai luoghi da cui i loro antenati sono partiti. Questi ragazzi saranno portavoce e promotori delle ricchezze dei nostri Appennini nei Paesi in cui vivono creando un importante fenomeno di “ritorno” verso queste aree della nostra regione”.
Durante il soggiorno saranno organizzati anche incontri con il mondo politico-amministrativo, economico, sociale e culturale locale. A tal proposito un particolare rilievo avrà la serata del 17 settembre presso l’Agriturismo Il Ginepro, Castelnovo ne’ Monti, in cui i ragazzi saranno accolti in un incontro, coordinato dal Presidente del Parco Fausto Giovanelli, con i Sindaci dei Comuni da cui risalgono le relative origini e i rappresentanti di Unione Comuni, Provincia, Regione e del tessuto economico e sociale locale.

I 15 ragazzi di Orizzonti Circolari saranno ospiti all’interno di una serata un po’ diversa. Assisteranno alla consegna della Cittadinanza Affettiva a Stefano Virgilli, che da anni vive e lavora all’estero ma che ha sempre mantenuto contatti con il territorio. Quest’anno Stefano all’interno della propria attivita lavorativa ha portato a Castelnovo ne’ Monti alcune persone dall’Oman, rimaste molto colpite dalla bellezza dei luoghi e sarà un bel momento di confronto nei luoghi del Parco tra persone provenienti da luoghi lontani.

Pubblicato in Articoli, Società & Cultura