La Chiesa reggiana fa memoria della Beata Scopelli

Stampa articolo Stampa articolo

La Chiesa reggiana celebra mercoledì 9 luglio la memoria liturgica della Beata Giovanna Scopelli, il cui corpo riposa dal 1803 nella cappella Rangoni della Cattedrale.

La festa sarà aperta alle 6.15 in Duomo dalla recita dell’ufficio di letture e delle lodi con le Case della Carità; seguirà alle 7.30 la Santa Messa. Il vicario generale don Alberto Nicelli presiederà alle 10.30 la solenne concelebrazione eucaristica; la giornata sarà conclusa da mons. Gianfranco Gazzotti che alle 18.30, sempre in cattedrale presiederà la Santa Messa solenne.

Nata a Reggio nel 1439, Giovanna Scopelli vestì l’abito dell’Ordine delle Carmelitane e fondò nel 1485 il monastero carmelitano di Santa Maria del Popolo, oggi scomparso, nella zona di via Campo Marzio. Si spense il 9 luglio 1491, circondata da una vasta fama di santità; nel passato la sua festa era celebrata in città con particolare solennità.

Nel 1773 il suo nome, dopo il processo canonico, fu inserito nel “Canone dei Beati”.Un ritratto della Beata Scopelli, eseguito dal pittore campano Paolo de Majo, fu collocato nel 1775 nella chiesa napoletana del Carmine Maggiore. Il papa Giovanni Paolo II, nella lettera del 7 ottobre 2002 all’Ordine Carmelitano, ricordando gli inizi della vita contemplativa femminile nel Carmelo, definì la beata Giovanna Scopelli “una delle esponenti di spicco in Italia di questa esperienza”.

g.a.rossi

Pubblicato in Articoli, Vita diocesana