Il Papa in Molise torna sul tema del lavoro

Stampa articolo Stampa articolo

DIGNITA’ DEL LAVORATORE E STOP ALLA DOMENICA LAVORATIVA – “La mia visita in Molise comincia da questo incontro con il mondo del lavoro, ma il luogo in cui ci troviamo è l’Università. E questo è significativo: esprime l’importanza della ricerca e della formazione anche per rispondere alle nuove complesse domande che l’attuale crisi economica pone, sul piano locale, nazionale e internazionale”, così ha esordito sabato 5 luglio papa Francesco nel suo discorso al mondo del lavoro a Campobasso..

Ha precisato di condividere pienamente ciò che è stato detto sul “custodire” la terra, perché dia frutto senza essere “sfruttata”. “Questa è una delle più grandi sfide della nostra epoca: convertirci ad uno sviluppo che sappia rispettare il creato. Io vedo l’America – la mia patria, pure: tante foreste, spogliate, che diventano terra che non si può coltivare, che non può dare vita. Questo è il peccato nostro: di sfruttare la terra e non lasciare che lei ci dia quello che ha dentro, con il nostro aiuto della coltivazione”.

Su un’altra sfida il Santo Padre ha insistito: il lavoro e il tempo per la famiglia. E ha affermato: “Stiamo perdendo questa capacità, questa saggezza di giocare con i nostri bambini. La situazione economica ci spinge a questo!”. E poi la domenica: questo è un punto “critico”, un punto che ci permette di discernere, di valutare la qualità umana del sistema economico in cui ci troviamo. E all’interno di questo ambito “si colloca anche la questione della domenica lavorativa, che non interessa solo i credenti, ma interessa tutti, come scelta etica. E’ questo spazio della gratuità che stiamo perdendo. La domanda è: a che cosa vogliamo dare priorità? La domenica libera dal lavoro – eccettuati i servizi necessari – sta ad affermare che la priorità non è all’economico, ma all’umano, al gratuito, alle relazioni non commerciali ma familiari, amicali, per i credenti alla relazione con Dio e con la comunità. Forse è giunto il momento di domandarci se quella di lavorare alla domenica è una vera libertà”

Parlando della drammatica situazione che non solo il Molise, ma tutto il Paese Italia sta soffrendo, papa Francesco ha auspicato l’attuazione di un “patto per il lavoro”: tanti posti potrebbero essere recuperati attraverso una strategia concordata con le autorità nazionali, un “patto per il lavoro” che sappia cogliere le opportunità offerte dalle normative nazionali ed europee.

“Vorrei tornare su una parola:dignità. Non avere lavoro non è soltanto non avere il necessario per vivere. Il problema è non portare il pane a casa: questo è grave, e questo toglie la dignità! Il problema più grave è la dignità. Per questo dobbiamo lavorare e difendere la nostra dignità, che dà il lavoro”.

gar

Pubblicato in Articoli