Da 70 anni, in via Volturno, in maggio si recita il Rosario

Stampa articolo Stampa articolo

Dal 1944, ininterrottamente, a Reggio, nel cortile di via Volturno, ore 21, al Gattaglio, tutte le sere di maggio viene recitato il Santo Rosario.

Fu una tradizione avviata nel lontano maggio 1944 da don Dante Caliceti, storico parroco di San Zenone, fin dal suo ingresso in parrocchia. La guerra, forti contrasti ideologici, momenti difficili: eppure quel cortile raccoglieva tante persone che devotamente sgranavano la corona del Rosario e recitavano l’ “Ave Matria”.

Un’immagine della Madonna (nella foto), collocata nel cortile nell’anno del Giubileo del 2000, ricorda i tanti Rosari recitati in quel cortile sotto la guida del priore don Dante, nato nel 1912, ordinato sacerdote nel 1927, vicario cooperatore a San Zenone fino al 1942 e poi parroco dal 1944 alla morte avvenuta il 15 maggio 2001. Una tradizione che è continuata e che sabato prossimo 31 maggio concluderà solennemente il mese di maggio. Infatti alle ore 21 don Guido Mortari parroco di Sant’Agostino, a cui è stata unita quella porzione del territorio della parrocchia di San Zenone, presiederà nel cortile di via Volturno 21 la celebrazione eucaristica.

Gar

Nella foto: l’immagine della Madonna nel cortile di via Volturno 21.

Immagine-Madonna-via-Volturno

Pubblicato in Articoli, Vita diocesana