Pellegrinaggio delle famiglie il 14 e 15 giugno

Stampa articolo Stampa articolo

PER UN BUON PELLEGRINAGGIO….

Note introduttive

Lo spirito del pellegrino: un pellegrinaggio è intrapreso non come gita turistica, ma con finalità spirituali e relazionali. Questa proposta viene avanzata per vivere un’esperienza di comunione e amicizia tra famiglie e invocare i doni della grazia di Dio per il prossimo Sinodo della Famiglia. Il cammino sarà quindi caratterizzato da momenti di preghiera e dalla fraternità reciproca (accoglienza, conoscenza di nuove persone, capacità di adattamento, ringraziamento per la condivisione del cammino).

Il cammino

Quale tipo di terreno incontreremo? Il percorso si snoda tra sentieri (Matildico) e strade poco frequentate; metà del cammino sarà su strada asfaltata e  metà su sentiero sterrato. Non ovunque sarà possibile utilizzare un passeggino.

L’equipaggiamento sarà da ridurre all’essenziale, visto che lo dobbiamo caricare sulle spalle: scarponi o scarpe da trekking,  acqua,  maglia di riserva, cappellino,  cibo per il primo giorno . . . . Ogni tanto sono previste delle soste per ricomporre il gruppo dei pellegrini, anche se cercheremo di viaggiare abbastanza compatti.

 

Servizio pulmino: se qualcuno si trova in difficoltà lungo tutto il percorso, nei punti in cui si incontra la strada asfaltata si potrà contare sulla presenza di un pulmino.

Le cose che servono solo per la notte e le cose non indispensabili per quello specifico tratto di cammino, possono essere caricate a parte sul pulmino porta-bagagli. Borse e oggetti che viaggiano in pulmino, dovranno recare il nome della famiglia di appartenenza (per evitare confusione e scambi).

Il pulmino servirà anche per riportare gli autisti a recuperare le  loro auto a Villa Minozzo, la domenica pomeriggio.

 

Orari delle due giornatelancio_pellegrinaggio_2014

 

sabato 14 giugno

ore 08.30       ritrovo presso la chiesa di Villa Minozzo (si può parcheggiare vicino alla posta).

ore  9.00        momento di preghiera e partenza per il cammino

ore 12.30         pranzo al sacco presso la chiesa di Vogno

ore 15.00        si riprende il cammino

ore 18.00        arrivo previsto alla Pieve di Toano –  cena – pernottamento

 

domenica 15 giugno

ore 07.00       sveglia e sistemazione casa – colazione

ore 08.00       preghiera alla Pieve e ripresa del cammino

ore 10.30        arrivo a Manno e celebrazione della S. Messa

ore 12.00        si riprende il cammino

ore 13.00        arrivo previsto a Corneto e pranzo conclusivo

 

Come si mangia?

Il pranzo del primo giorno (sabato) è al sacco (a Vogno); ognuno se lo porta da casa.

A metà pomeriggio, presso Croce di Fornello, ci sarà una sosta per la merenda (frutta).

La cena del sabato è parte del pacchetto: sarà consumata presso la struttura della Pro-loco di Toano, a 150 metri dalla Pieve.

Nella casa di Toano c’è anche la prima colazione della domenica mattina (a buffet).

Il pranzo al termine del cammino è previsto a Corneto, nelle strutture parrocchiali.

 

Dove e come si dorme?

Il pernottamento avviene nella casa di accoglienza a fianco della Pieve, che ha circa 50 posti letto.

Per le persone in esubero, il Comune ha messo a disposizione la palestra, dove si potrà dormire con modulo e sacco a pelo.

All’atto dell’iscrizione, sarà necessario indicare in quale struttura si desidera dormire.

 

Momenti di preghiera: (sarà preparato un libretto per la preghiera comune)

Villa Minozzo:         benedizione del pellegrino per l’inizio del viaggio

Bedogno:                   preghiera battesimale presso il torrente Secchiello

Vogno:                       canto di ringraziamento prima del pranzo

Toano:                       preghiera di compieta, prima del riposo

Preghiera di lode al mattino

Manno:                      Celebrazione eucaristica nella chiesa parrocchiale

Corneto:                    Canto di ringraziamento prima del pranzo

 

 

 

 

Pubblicato in Articoli, Vita diocesana