Il Vescovo invita i giovani venerdì 16 maggio alle 20.45 in Cattedrale Sarà ospite Guzmán M. Carriquiry su “La Chiesa di Papa Francesco”

Stampa articolo Stampa articolo

L’ultimo degli incontri pensati dal vescovo Massimo Camisasca per i giovani della città e della diocesi in questo anno pastorale avrà un ospite d’eccezione e un tema di grande richiamo. Il tema è la Chiesa di Papa Francesco, con la volontà di andare alle radici spirituali del pontefice, al di là degli stereotipi e delle letture semplificate che circolano intorno alla sua figura.

Dopo l’introduzione del Vescovo, a parlarne venerdì 16 maggio alle 20.45 in Cattedrale a Reggio Emilia sarà Guzmán M. Carriquiry Lecour, un testimone laico di grandissima levatura culturale, già collaboratore dei papi da Paolo VI in poi e amico di Papa Francesco, che appena due settimane fa lo ha nominato Segretario incaricato della Vice Presidenza della Pontificia Commissione per l’America Latina (a parte si riporta il suo curriculum).

Già dalle ore 20, in Cattedrale, ci sarà la possibilità di accostarsi al sacramento della Riconciliazione.

Alla fine dell’incontro sarà inoltre disponibile una pubblicazione​ che raccoglie la trascrizione degli interventi che monsignor Camisasca ha tenuto ai giovani negli ultimi due anni.

carachiri

Guzmán M. Carriquiry

 

Chi è Guzmán M. Carriquiry

Nato il 20 aprile 1944 a Montevideo (Uruguay), Guzmán M. Carriquiry è coniugato con Lídice María Gómez Mango ed ha quattro figli e dieci nipoti. Ha svolto i suoi studi a Montevideo, conseguendo il dottorato in Diritto e Scienze Sociali e ottenendo poi l’abilitazione all’esercizio della professione di avvocato.

È stato dirigente della Gioventù Studentesca e Universitaria Cattolica sia in Uruguay che, successivamente, a livello latino-americano, ed ha lavorato in qualità di direttore del Centro delle comunicazioni sociali dell’episcopato uruguayano.

Il 1° dicembre del 1971 ha iniziato il suo servizio presso la Santa Sede e l’11 febbraio 1977 è stato nominato Capo ufficio del Pontificio Consiglio per i Laici da S.S. Paolo VI. È stato invece Giovanni Paolo II a nominarlo, il 12 settembre 1991, Sotto-Segretario del Pontificio Consiglio per i Laici, incarico confermato nel tempo dallo stesso pontefice, e riconfermato da S.S. Benedetto XVI il 24 febbraio 2009.

È stato “professore invitato” in varie università pontificie italiane e di altri Paesi europei e latino-americani, ed ha al suo attivo numerose pubblicazioni. Ha ricevuto diverse onorificenze, tra le quali quella di Cavaliere di Gran Croce dell’Ordine di San Gregorio Magno.

Il 14 maggio 2011 Benedetto XVI lo ha nominato Segretario della Pontificia Commissione per l’America Latina.

Pubblicato in Articoli, Vita diocesana