Undici volontari reggiani in servizio a Roma per la Canonizzazione di Giovanni Paolo II e di Giovanni XXIII

Stampa articolo Stampa articolo

Dal 25 al 28 aprile prossimi, centinaia di migliaia di pellegrini confluiranno in piazza San Pietro a Roma da ogni parte del mondo per partecipare alla solenne canonizzazione di due Papi particolarmente amati del XX secolo: Giovanni Paolo II e Giovanni XXIII. Oltre alla canonizzazione di domenica 27 aprile, presieduta da Papa Francesco, sono previste altre celebrazioni liturgiche preparatorie nella città di Roma, a partire dal 25 aprile, legate anche alla prossima GMG di Cracovia del 2016.

Venerdì 25 aprile avrà luogo l’esposizione della Croce delle GMG, a cui farà seguito la veglia, nella chiesa di Sant’Agnese in piazza Navona, con la testimonianza del card. Stanislao Dziwisz, già segretario di Papa Wojtyla.
L’esposizione proseguirà per tutta giornata di sabato 26 aprile, e si concluderà la notte di sabato, quando i pellegrini inizieranno a confluire in piazza San Pietro per la solenne cerimonia della canonizzazione di domenica 27 aprile.
Lunedì 28 aprile sempre in piazza San Pietro ci sarà la Messa di ringraziamento presieduta dal cardinale Angelo Comastri e concelebrata dai vescovi e dai sacerdoti polacchi.

Di fronte a tale moltitudine di persone che parteciperanno a queste cerimonie ricche di spiritualità, occorre anche un forte impegno organizzativo per l’ordinato svolgimento delle manifestazioni e soprattutto per l’accoglienza di tantissime persone, che arrivano dai cinque Continenti e parlano lingue diverse, quasi una “nuova Pentecoste”.

Nel 1991 veniva istituita in Vaticano, all’interno del Pontificio Consiglio per i Laici, la “Fondazione Gioventù-Chiesa-Speranza” denominata poi dal 2005 “Fondazione Giovanni Paolo II per la gioventù”, con lo scopo di sostenere e promuovere l’organizzazione dei grandi eventi rivolti al giovani: in particolare le GMG (Giornate Mondiali della Gioventù) e gli incontri con il Papa.
All’interno della Fondazione, è stato costituito un gruppo di volontari, a servizio degli eventi promossi e sostenuti dalla Fondazione; tale gruppo è sotto la responsabilità del reggiano Lorenzo Serri.

A livello nazionale sono più di cinquanta i giovani, tutti volontari e provenienti da diverse esperienze di carattere ecclesiale, che fanno parte dello staff.
Diversi di loro sono reggiani, appartenenti all’Azione Cattolica Diocesana e che hanno già svolto servizio di volontariato alle GMG di Roma e Madrid e a Loreto con il futuro Santo Giovanni Paolo II; dal 25 al 28 aprile presteranno servizio a Roma durante le celebrazioni.
Questi i loro nomi: Giacomo Aldrovandi, Eleonora Crialesi, Alberto Farinelli, Emanuele Gualtieri, Massimiliano Denti, Serena Ferrari, Simone Malagoli, Stefano Nobili, Teresa Rossi, Lorenzo Sassi, Riccardo Spaggiari.

Li attende un impegno particolarmente intenso e generoso, che affronteranno con l’entusiasmo e la generosità che li ha sempre contraddistinti.

Gar

Pubblicato in Articoli, Vita diocesana

Lascia un commento