La preghiera-testimonianza di una volontaria nel ventennale del genocidio in Rwanda

Stampa articolo Stampa articolo

Nel ventennale dell’inizio del genocidio in Rwanda, domenica 6 aprile, pubblichiamo la preghiera-testimonianza della volontaria attualmente in missione, Maurizia Barbieri, che si trova in una delle tre “case della pace” della nostra Diocesi volute da don Gigi Guglielmi.

Quest’anno tutte le celebrazioni commemorative sono accompagnate e inserite nella Liturgia, come cammino verso la Pasqua:

“ Questa malattia non porterà alla morte, ma è per la gloria di Dio, affinché per mezzo di essa il Figlio di Dio venga glorificato”

Già dal 7 gennaio, fino al 7 aprile, una torcia, luce per ricordare, portata da ragazzi ventenni, è passata, girando tutto il Rwanda, nei luoghi-sacrario, Luce di Speranza  per una Vita Nuova

Nelle nostre parrocchie delle Case Amahoro, celebreremo:

a Mukarange, il sabato 12 aprile con il Vescovo, anche la memoria di tutti i sacerdoti-donati, per restare vicini ai loro parrocchiani,

a Kabarondo, la domenica 13, delle Palme, nella seconda messa  “Sei giorni prima della solenne celebrazione della Pasqua, quando il Signore entrò in Gerusalemme, gli andarono incontro i fanciulli, portavano in mano rami di palma e acclamavano: Osanna nell’alto dei cieli”

a Bare il mercoledì santo, 16 aprile   “Per te io sopporto l’insulto, e la vergogna mi copre la faccia; sono diventato un estraneo per i miei fratelli, uno straniero per i figli di mia madre.. Vedano i poveri e si rallegrino; voi che cercate Dio fatevi coraggio, perché il Signore ascolta i miseri e non disprezza  i suoi che sono prigionieri.”

Intenzione:

 Aiutaci Signore a testimoniare ciò che celebriamo, che l’Eucaristia, tuo corpo e tuo sangue, sia comunione, compassione, condivisione nel nostro vivere quotidiano, che la tua Luce sia Illuminazione per tutti i popoli  e i loro governanti, che la Tua Pace possa penetrare ogni nostro agire.

 

ti preghiamo

Pubblicato in Articoli, Vita diocesana

Lascia un commento