Salesiane: educare nel segno di don Bosco – Rimpatriata a Bibbiano: non solo ricordi ma nuovi impegni di solidarietà

Stampa articolo Stampa articolo

– da “La Libertà” n. 21, del 1° giugno 2013 –

La festa degli ex alunni e delle famiglie all’Istituto Salesiano, il 24 maggio.

La grande festa degli ex allievi, che ogni anno si tiene in concomitanza della festa di Maria Ausiliatrice presso l’istituto di Bibbiano, lo scorso venerdì 24 maggio ha raggiunto la presenza record di 150 commensali solo a pranzo, mentre almeno altrettanti ex alunni con le loro famiglie hanno partecipato alla giornata negli altri momenti che l’hanno contraddistinta. Dalla colazione e l’accoglienza alla Messa presieduta da don Romano Vescovi, parroco dell’unità pastorale di Bibbiano e Barco, per concludere con la lotteria pomeridiana.

foto4foto3Numerose le presenze di suore ed ex allieve da fuori: la vicaria dell’Ispettoria di Toscana-Liguria-Emilia Romagna suor Palmira De Fortuna, una delegazione di Manerbio e una di Casinalbo, suor Francesca Fontanili, bibbianese di nascita, i familiari di due sorelle reggiane missionarie in Africa e Indonesia, e le “storiche” maestre suor Maria Grazia Santi, suor Cesarina Mercati e suor Elisabetta Fantoni. Impossibilitata a venire per motivi di salute suor Maria Dossi, che ha comunque fatto sentire la sua presenza con un lungo e affettuoso sms rivolto a tutti i presenti, inviato alle amiche durante il pranzo.

[dropcap font=”arial” fontsize=”36″]L[/dropcap]a Messa è stata preceduta dall’intervento di suor Palmira, che ha portato la testimonianza suor Maria Troncatti, martire bresciana beatificata lo scorso novembre, missionaria in Ecuador fino al giorno della sua morte.
La vicaria dell’ispettrice ha sottolineato la continua e importante partecipazione degli ex allievi nella vita salesiana e il loro contributo di solidarietà per l’Ong “Non uno di meno” onlus e per gli ex allievi di Paesi in difficoltà.
Inoltre ha annunciato la scelta del Rettor Maggiore di portare in tutto il mondo, in ogni ispettoria, fino al 2015 – anno in cui si festeggerà il duecentenario della nascita di don Bosco – una reliquia del santo, la sua mano destra, quella benedicente.

[dropcap font=”arial” fontsize=”36″]I[/dropcap]l momento del pranzo, quello più intenso ed importante, è stato contraddistinto dalla divisione in tante tavolate più o meno piccole, dove ogni gruppo era seduto con quella che era stata la suora di riferimento nella propria educazione, sia stata essa maestra o catechista, per condividere le gioie dell’anno appena trascorso e guardare insieme qualche vecchia fotografia. foto1

Il ricavato della giornata, raccolto con la lotteria e le offerte, servirà per contribuire a numerosi progetti di solidarietà e alla ristrutturazione della cappella di Maria Ausiliatrice della chiesa parrocchiale di Bibbiano, tuttora in attesa di fondi per il restauro delle cappelle mancanti.

Il ringraziamento di tutti – ex allievi e membri della comunità bibbianese – va alla signora Mariuccia Arduini Davoli, che quest’anno ha passato il testimone a Marzia Muzzarini, dopo aver instancabilmente presieduto il consiglio per decenni, facendo riunire col suo operato decine di suore e insegnanti con i loro ex studenti.

Giorgia Grisendi

Pubblicato in Articoli

Lascia un commento